Generare formule

Gli operatori di calcolo più comuni sono quelli aritmetici: il più per l’addizione; il meno per la sottrazione; l’asterisco per la moltiplicazione e infine lo slash per la divisione.

Qualunque formula, in Excel, comincia sempre con il simbolo dell’uguale che indica che i caratteri che seguono costituiscono una formula.

Dopo il simbolo dell’uguale devono essere riportati gli elementi da calcolare separati dagli operatori di calcolo.

Ad esempio, per moltiplicare il contenuto della cella A1 con quello della cella B1, bisogna prima di tutto selezionare la cella nella quale vogliamo visualizzare il risultato; di seguito digitare il segno dell’uguale attraverso la tastiera; selezionare la prima cella, inserire l’operatore (in questo caso la moltiplicazione) e infine selezionare la seconda cella.

Per visualizzare il risultato occorre premere il tasto Invio della tastiera.

In questo modo nella cella C1 verrà visualizzato il risultato; mentre sulla barra della formula verrà visualizzata l’operazione che ha portato al risultato.

Messaggi di errore

Excel segnala gli errori commessi nell’inserimento di formule attraverso una serie di messaggi chiamati appunto messaggi di errore.

I più frequenti sono:

  • #####

messaggio di errore che viene visualizzato nel caso in cui il valore inserito non può essere contenuto nella cella per le sue ridotte dimensioni;

  • # VALORE !

messaggio di errore che si presenta quando l’argomento di una formula o di una funzione è sbagliato;

  • # DIV / 0

messaggio di errore che viene visualizzato quando un valore numerico viene diviso per zero o quando il divisore è indicato in una cella vuota;

  • # NOME ?

messaggio di errore che indica che il nome utilizzato non esiste;

  • # RIF !

messaggio di errore che si presenta nel caso in cui il riferimento utilizzato non è valido;

  • # NUM !

messaggio di errore che indica che il valore utilizzato è assente;

  • # N /D !

messaggio di errore che si presenta quando il valore da utilizzare non è disponibile.

Riferimento relativo, assoluto e misto

I riferimenti identificano una cella o un intervallo di celle e vengono utilizzati con lo scopo di ricercare i valori che si vogliono includere in una formula. Essi si distinguono in riferimenti relativi, riferimenti assoluti e riferimenti misti

I riferimenti relativi si basano sulla posizione relativa della cella che contiene la formula e della cella a cui fa riferimento.

I riferimenti assoluti in una formula si riferiscono sempre a una cella in una posizione specifica.

Un riferimento misto infine contiene una colonna assoluta e una riga relativa o una riga assoluta e una colonna relativa.

Funzioni di somma, media, conteggio, min. e max.

Le funzioni sono delle formule predefinite che automatizzano operazioni comuni che eseguite diversamente richiederebbero più tempo.

Per applicare la funzione della somma bisogna selezionare la cella nella quale si vuole visualizzare il risultato e fare un clic sul pulsante Somma automatica posto sulla barra degli strumenti.

Excel selezionerà automaticamente un intervallo di celle.

Nel caso in cui questo sia corretto, basta premere il tasto Invio della tastiera per avere il risultato.

Per calcolare la media di una serie di numeri bisogna selezionare la cella nella quale si vuole visualizzare il risultato, andare sul menu Inserisci e fare un clic sulla voce Funzione. Nel caso in cui la funzione media non fosse presente tra quelle elencate è possibile scegliere tra diverse categorie di funzioni. Dopo aver selezionato la voce Media, bisogna fare un clic su OK. Nella finestra Argomenti funzioni verrà visualizzato un intervallo di celle, nel caso in cui questo fosse errato bisogna fare un clic sul pulsante Comprimi finestra, selezionare l’intervallo di celle corretto, aprire nuovamente la finestra e a questo punto, per terminare l’operazione, fare un clic su OK. È possibile calcolare la media di una serie di numeri anche facendo un clic sulla freccia posta accanto al pulsante Somma automatica. In questo caso, dall’elenco che appare, bisogna fare un clic su Media.

In questo modo Excel automaticamente selezionerà un intervallo di celle. Nel caso in cui questo sia corretto basta premere il tasto Invio della tastiera. Per inserire una funzione è possibile utilizzare anche il relativo pulsante posto sulla barra della formula.

Le procedure mostrate per calcolare la media sono le medesime anche per applicare le funzioni di minimo, massimo e conteggio.

Funzione logica “SE”

La funzione logica del SE permette di verificare, dato un certo criterio, se una condizione è vera o falsa e modificare di conseguenza il contenuto della cella. Per applicare tale funzione bisogna selezionare la cella nella quale si vuole visualizzare il risultato, andare sul menu Inserisci e fare un clic sulla voce Funzione. Nel caso in cui la funzione del SE non fosse presente tra quelle usate più di recente bisogna aprire l’elenco e selezionare la categoria Logiche. Dopo aver individuato la funzione del SE bisogna fare un clic su OK. Nel campo Test occorre inserire un criterio. Quindi fare un clic sul pulsante Comprimi finestra e selezionare, ad esempio, la cella A1. A questo punto bisogna aprire nuovamente la finestra e impostare il criterio: ad esempio, se A1 è uguale a 100, nel caso in cui è vero sarà visualizzato “Sì”, altrimenti “No”.

Per terminare la procedura basta fare un clic su OK.

Ecco che Excel ha dato come risposta “No” e, in effetti, nella cella A1 non appare il numero 100.

Utilizzando il quadratino di riempimento e quindi copiando la funzione possiamo visualizzare il numero dei “Sì” e dei “No”

Come per le altre funzioni, anche questa può essere inserita facendo un clic sul pulsante Inserisci funzione posto sulla barra della formula o anche facendo un clic sulla freccia accanto al pulsante Somma automatica.